IL BACIAMANO TEATRO DELLE ARTIIL BACIAMANO TEATRO DELLE ARTI

Calendario Eventi

Giugno 2024

L
M
M
G
V
S
D
27
28
29
30
31
1
2
Eventi di 1 Giugno
Nessun evento
Eventi di 2 Giugno
Nessun evento
3
4
5
6
7
8
9
Eventi di 3 Giugno
Nessun evento
Eventi di 4 Giugno
Nessun evento
Eventi di 5 Giugno
Nessun evento
Eventi di 6 Giugno
Nessun evento
Eventi di 7 Giugno
Nessun evento
Eventi di 8 Giugno
Nessun evento
Eventi di 9 Giugno
Nessun evento
10
11
12
13
14
15
16
Eventi di 10 Giugno
Nessun evento
Eventi di 11 Giugno
Nessun evento
Eventi di 12 Giugno
Nessun evento
Eventi di 13 Giugno
Nessun evento
Eventi di 14 Giugno
Nessun evento
Eventi di 15 Giugno
Nessun evento
Eventi di 16 Giugno
Nessun evento
17
18
19
20
21
22
23
Eventi di 17 Giugno
Nessun evento
Eventi di 18 Giugno
Nessun evento
Eventi di 19 Giugno
Nessun evento
Eventi di 20 Giugno
Nessun evento
Eventi di 21 Giugno
Nessun evento
Eventi di 22 Giugno
Nessun evento
Eventi di 23 Giugno
Nessun evento
24
25
26
27
28
29
30
Eventi di 24 Giugno
Nessun evento
Eventi di 25 Giugno
Nessun evento
Eventi di 26 Giugno
Nessun evento
Eventi di 27 Giugno
Nessun evento
Eventi di 28 Giugno
Nessun evento
Eventi di 29 Giugno
Nessun evento
Eventi di 30 Giugno
Nessun evento
1
2
3
4
5
6
7

Luogo

Teatro delle Arti
Teatro delle Arti
Salerno, SA

Data

23 Febbraio 2024
Terminato

Ora

21:00

Costo

€ 15,00

Il Baciamano

Allo scoppiare della Rivoluzione Francese nel 1789 non vi sono immediate ripercussioni a Napoli; è solo dopo la caduta della monarchia francese e la morte per ghigliottina dei reali di Francia che la politica del Re di Napoli e Sicilia Ferdinando IV comincia ad avere carattere antifrancese. Il Regno di Napoli aderisce alla I^ coalizione antifrancese e cominciano le prime repressioni contro le personalità sospettate di “simpatie” giacobine.
Ambientato dunque nella Napoli di fine Settecento, è la storia di un uomo e una donna: l’uomo, il Giacobino, rappresenta la politica, forbito nel parlare, le sue parole diventano quasi poesia per chi le ascolta. Si ritrova legato e incappucciato in un luogo freddo ornato solo da lamiere di ferro. Ad attenderlo c’è la Janara, giovane popolana avvizzita prima del tempo. Una ragazza/donna, madre/moglie, picchiata e violentata dal marito. La Janara diventa una sacerdotessa/mantide, uccide per dar da mangiare i suoi figli/dei. In lei è celato un segreto/desiderio che solo le sue vittime conosceranno.
L’idea di questo spettacolo nasce dall’incontro tra il regista Antonio Grimaldi e gli attori Annarita Vitolo e Vincenzo Albano, che iniziano un laboratorio di studio sul testo. Dal 2022 entra a far parte dello spettacolo l’attore Andrea de Goyzueta, nel ruolo del Giacobino accanto ad Anna Rita Vitolo nel ruolo di Janara. L’incontro con Santanelli diventa determinante per la comprensione profonda del testo stesso. Da qui la scelta di concentrare il lavoro sulla parola, minimizzando la scena fino a renderla quasi fredda, essenziale…un tavolaccio, uno sgabello, una cornice, una bacinella, un coltello. Quasi spogliata da riferimenti temporali e da elementi decorativi. Una prigione? Un altare del sacrificio? Un mattatoio per corpi e anime? La parola diventa azione/gesto ripetuto allo spasimo. Un coltello/parola pronto a colpire e a far male. Un tempo/spazio/fine diventa necessario per un azione/fine. Ora non resta che ripulire/asciugare/mangiare e custodire il segreto/desiderio per una prossima vittima?

SPONSORS

Torna in cima